Politica di vicinato: dalla cooperazione alla governance

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Politica di vicinato: dalla cooperazione alla governance

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: ANSAmed

Nonostante gli effetti della crisi economica, l'Unione europea si conferma leader negli scambi commerciali con i Paesi partner della sponda Sud del Mediterraneo. Primo partner per Israele, Egitto, Tunisia, Marocco e Libano, si piazza al secondo posto nel caso della Giordania, subito dopo l'Arabia Saudita. Questi alcuni dati emersi dall'ultimo bilancio presentato a Bruxelles sui dodici Paesi interessati dalla politica di vicinato, dal Sud del Mediterraneo all'Europa dell'Est, nell'arco di cinque anni. Quella della politica di vicinato €œè una partnership per le riforme, per diffondere stabilità  e prosperità € ha spiegato Stefan Fule, commissario europeo responsabile.

cooperazioneIl Mediterraneo è un'area di interesse chiave per l'Europa e negli ultimi anni Israele, Giordania, Egitto, Tunisia e Autorità  palestinese hanno chiesto di portare le relazioni ad un livello pi๠stretto, con il cosiddetto ''status avanzato'', ad oggi ottenuto solo dal Marocco. Nel quadro complessivo, Bruxelles non registra nei Paesi partner, perà², progressi sufficienti nel campo dei diritti fondamentali e molto rimane da fare in termini di riforme del sistema giudiziario e amministrativo. Sul fronte economico, sono stati negoziati accordi commerciali sui prodotti agricoli con Egitto, Israele e Marocco, mentre sono in corso quelli per la liberalizzazione dei servizi e il diritto di stabilimento con Marocco, Tunisia, Israele ed Egitto.

Dal 2008, un regime di libero scambio sui prodotti industriali è stato raggiunto con la Tunisia. Quanto ai trasporti aerei, dopo l'accordo con il Marocco e poi con la Giordania, ora sono in corso trattative con Israele, Libano, Tunisia, mentre si guarda a futuri negoziati con l'Algeria. A lungo termine, l'obiettivo rimane quello di creare un'area di libero scambio fra Ue e Paesi partner del Mediterraneo.

Ecco alcuni dati del rapporto:
ISRAELE: limitati progressi nel processo di pace in Medio Oriente hanno influenzato il processo di avanzamento delle relazioni con l'Ue. Continuano negoziati sullo spazio aereo comune e direttrice Haifa-Trieste è stata selezionata per progetto pilota delle ''autostrade del mare''.
TERRITORI PALESTINESI: capacità  di attuare riforme limitata dall'occupazione israeliana, blocco di Gaza e divisione fra Cisgiordania e Gaza. Pil reale sotto il livello di dieci anni fa, con l'80% della popolazione sotto livello povertà  in striscia di Gaza.
MAROCCO: il 2009 ha segnato il rafforzamento del partenariato, ora la sfida per il 2010 è realizzare impegni assunti nel quadro dello statuto avanzato, specie in materia di regole e riforme, come quelle della Giustizia.
EGITTO: preoccupazioni sul fronte della realizzazione di riforme per democrazia e diritti umani, importanti per un avanzamento delle relazioni con l'Ue. Continuano negoziati sulla liberalizzazione dei servizi.
TUNISIA: persistono difficoltà  nell'ambito della governance e dello Stato di diritto, oltre che sul rispetto dei diritti umani. àˆ il Paese pi๠avanzato per la realizzazione di un'area di libero scambio, dopo lo smantellamento delle tariffe doganali per i prodotti industriali.
LIBANO: nel 2009 progressi molto lenti sulle riforme politiche, sociali ed economiche. Progressiva eliminazione delle tariffe doganali su prodotti industriali fino al 2014.
GIORDANIA: progressi sul fronte del rispetto dei diritti fondamentali, della trasparenza e la governance. Siglato accordo euromed a marzo 2010 per assicurare standard comuni nel trasporto aereo e la progressiva apertura di questo mercato.