Programma italo-egiziano: al via il progetto €œHealth governance unit€

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Programma italo-egiziano: al via il progetto €œHealth governance unit€

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: Il Velino

Ha ufficialmente preso il via ad Alessandria il progetto €œHealth governance unit€, finanziato dalla direzione generale per la Cooperazione allo sviluppo (Dgcs) della Farnesina mediante il Programma italo-egiziano di conversione del debito. L'iniziativa, intesa a fornire un supporto scientifico e accademico all'Università  di Alessandria e al Ministero della Sanità  del Cairo per l'attuazione della riforma del sistema sanitario nazionale, promuoverà  un'intensa attività  di ricerca, consulenza, formazione e controllo, applicata alla tutela della salute pubblica. Il progetto, inoltre, creerà  presso il Medical technology centre (Mtc) dell'ateneo, realizzato grazie ad un precedente intervento della Cooperazione Italiana, un'unità  per la governance della salute pubblica, dotata di un laboratorio di massima sicurezza biologica certificato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità  (Oms) e volto a diagnosticare e monitorare le malattie infettive emergenti.

La cerimonia ufficiale del lancio del progetto si è tenuta nei giorni scorsi ad Alessandria, alla presenza del vice presidente dell'Università  e del direttore del Medical research institute. L'evento - a cui hanno partecipato anche il direttore dell'Unità  tecnica locale (Utl) della Dgcs al Cairo, Ginevra Letizia, e il direttore dell'Unità  tecnica di supporto del Programma di conversione del debito, Valeria Mazzacane - è stato anche un'occasione di dialogo e di confronto e ha lasciato spazio a una proficua sessione di lavoro, volta all'identificazione di un piano di formazione per gli operatori del settore sanitario. Ai lavori ha preso parte una delegazione italiana di alto livello, composta da tecnici e specialisti dell'Istituto superiore di sanità  (Iss) di Roma e da professori della Libera università  per il Mediterraneo (Lum) di Bari.