L'Italia in campo per la sanità  pubblica palestinese

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

L'Italia in campo per la sanità  pubblica palestinese

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Contribuire allo sviluppo della sanità  pubblica palestinese e, attraverso il miglioramento delle condizioni di vita, favorire la distensione tra i popoli in Medio Oriente. Queste la finalità  del progetto di cooperazione italo-palestinese promosso dalla Seconda università  di Napoli (Sun). In collaborazione con altri atenei e istituzioni scientifiche, i docenti della Sun si occuperanno della formazione di medici e ricercatori che operano in Cisgiordania sulle nuove tecniche di laparoscopia ed endospcopia mininvasiva.

Il progetto sviluppa e aggiorna una precedente esperienza svolta negli ultimi tre anni e ha un costo di un milione di euro, finanziato per il 70% dalla Direzione generale per la Cooperazione e lo sviluppo del ministero degli Esteri e per il 15% dall'Autorità  palestinese e dalla Sun. "E' una tappa nel processo che porterà  all'attuazione dell'intesa siglata a Roma nel 2009 - spiega il ministro plenipotenziario e Direttore generale della Cooperazione e dello Sviluppo del ministero degli Esteri, Giampaolo Cantini - con il quale si è costituito l'organismo intergovernativo bilaterale. Sono occasioni in cui prende vita concretamente il cosiddetto sistema Paese, grazie al coinvolgimento di università , aziende, centri di eccellenza e degli interventi di cooperazione".

L'iniziativa riguarderà  i cinque ospedali pubblici palestinesi (Hebron, Nablus, Jenin, Beit Jala e Gerico) e prevede corsi di formazione in loco, momenti di e-learning a distanza e stage del personale medico palestinese nei centri di eccellenza italiani.