Italia-Palestina, delegazione italiana a Betlemme e intesa Hebron-Torino

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Italia-Palestina, delegazione italiana a Betlemme e intesa Hebron-Torino

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Il Ministro del Turismo Rula Ma'aya'h, il Sindaco di Betlemme Vera Baboun e Padre Ibrahim Faltas hanno ricevuto nei giorni scorsi a Betlemme una delegazione della città  di Torino guidata dal Sindaco Piero Fassino e dal Console Generale d'Italia a Gerusalemme Davide La Cecilia. A Casa Nova Palace, Baboun ha sottolineato l'importanza dell'incontro per promuovere le relazioni bilaterali in diversi campi come quello della cultura e dell'economia.

La dottoressa Vera Baboun ha presentato al Sindaco di Torino un progetto per restaurare e riabilitare il mercato centrale della città . Questi ha dato la sua approvazione e ha invitato una delegazione del Comune di Betlemme a visitare la città  di Torino per valutare il progetto e sottoscrivere un accordo di attuazione.

Anche il Ministro degli Affari Esteri Riad Al-Malki e il Ministro del Local Government Khaled Al-Qawasmi hanno incontrato, nelle rispettive sedi, la delegazione italiana guidata dal sindaco di Torino Fassino e dal Console Generale La Cecilia. Al-malki ha ribadito ai suoi ospiti la posizione della Leadership palestinese che chiede ad Israele di accettare la €œsoluzione dei due Stati€ nei confini del 1967, di fermare la colonizzazione e le aggressioni dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà . Riad Al-Malki, inoltre, ha sottolineato la necessità  di intervento della comunità  internazionale per fermare le violazioni dello stato di occupazione che esercita una sistematica politica di uccisione dei prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane, soprattutto per quanto riguarda i detenuti che soffrono di malattie croniche, eludendo tutte le convinzioni e le leggi internazionali. Dal canto suo, Fassino ha sottolineato l'importanza di rilanciare i negoziati tra israeliani e palestinesi per arrivare alla pace e alla prosperità  in tutto il Medio Oriente.

Il Presidente dello Stato della Palestina Mahmoud Abbas ha ricevuto poi, presso la sede presidenziale di Ramallah, il Sindaco Fassino, membro del partito democratico ed ex Ministro. Il Presidente Abu Mazen ha informato il suo ospite sugli ultimi sviluppi del processo di pace e sugli sforzi internazionali mirati a rilanciarlo. Il Presidente ha sottolineato l'impegno della Leadership palestinese nel processo di pace basato sulle risoluzioni internazionali, per porre fine all'occupazione e creare lo Stato palestinese nei confini del 1967 con capitale Gerusalemme.
Fassino ha ribadito il sostegno dell'Italia al processo di pace, alla €œsoluzione dei due Stati€ e al diritto del popolo palestinese ad avere uno Stato indipendente.
Video dell'incontro del Sindaco Fassino con il Presidente Abu Mazen
http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=zDpNo4YF64U

Accordo di Amicizia e Cooperazione tra la Città  di Hebron e la Città  di Torino
Hebron - il Sindaco di Hebron dottor Daouod Al-Zaa'tari e il Sindaco di Torino Piero Fassino, hanno sottoscritto  un accordo di gemellaggio e cooperazione in diversi campi e settori. La Firma è avvenuta in presenza del Console Generale d'Italia Davide La Cecilia, del governatore di Hebron Kamel Hmeid, del Presidente della Camera di Commercio di Hebron Ghazi Herbawi, dei rettori delle Università  del Governatorato di Hebron e di numerose personalità  della città  e del Governatorato. L'accordo permetterà  al Comune di Hebron di migliorare i servizi offerti alla cittadinanza nel settore idrico e igienico-sanitario, di accrescere le competenze del personale, e metterà  in atto uno scambio di esperienze, di supporto tecnico e di consulenze per migliorare la realtà  della Città  di Hebron e contribuire ad alleviare la sofferenza della cittadinanza a seguito dello stato di occupazione e della situazione di divisione della città . L'accordo comprende inoltre la cooperazione tra la Camera di Commercio di Hebron e di Torino, oltre alla creazione di reti tra i rettori delle Università  delle due città  e tra imprenditori palestinesi e italiani del Governatorato di Hebron e della Città  di Torino.

Dai quotidiani Al-Quds, Al-ayyam, Al-Hayat
Dalle agenzie palestinesi Wafa, Maa'n news