Italia-Territori Palestinesi: la cooperazione tra le università 

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Italia-Territori Palestinesi: la cooperazione tra le università 

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: Il Velino

Prosegue la cooperazione tra le università  italiane e quelle palestinesi grazie alla Dgcs della Farnesina. A Ramallah si è tenuto presso il Centro di continuing education dell'Università  di Birzeit un incontro tecnico organizzativo in vista del progetto di €œRafforzamento del sistema universitario palestinese attraverso un programma integrato di alta formazione e aggiornamento professionale per sette università  palestinesi€. La riunione, organizzata dall'Unità  tecnica locale (Utl) della Dgcs a Gerusalemme, è stato presenziato dai professori Ibrahim Almasri, rettore della Palestine polytechnic university Hebron; Awni Khatib, rettore della Hebron university; Adli Saleh, rettore dell'American university di Jenin; Said Zeedani, prorettore Al Quds university; Aziz Shawabka, assistente del prorettore dell'università  di Birzeit, e il professor Gianni Vaggi dell'Università  di Pavia. Il progetto €“ a cui hanno aderito le università  di Pavia, La Sapienza di Roma, Palermo, Bologna, Siena, Politecnico di Milano, Urbino, Trento, Brescia, Bergamo - era stato presentato al direttore generale della Dgcs, il ministro Elisabetta Belloni, nel settembre 2009 durante una riunione del Coordinamento universitario presso la Dgcs.

palestinaIn seguito, nel febbraio 2010 si è arrivati alla firma di un memorandum d'intesa fra le sette università  palestinesi, la Dgcs e gli atenei italiani che hanno aderito al Coordinamento. Nell'aprile del 2010 - grazie all'intervento della Cooperazione italiana - il programma ha ricevuto il gradimento e il sostegno del ministro per l'Educazione e la formazione universitaria dell'Autorità  nazionale palestinese (Anp), il dottor Lamis M. Alami. Infine, a luglio il progetto ha ricevuto l'approvazione definitiva dal ministro Belloni. Durante l'incontro del 29 settembre, invece, sono stati approfonditi gli aspetti tecnici legati alle due azioni principali del progetto: la formazione di dottori di ricerca presso università  italiane; e la realizzazione di un modulo pluridisciplinare fra università  palestinesi ed italiane sui temi della cooperazione allo sviluppo con focus su Medio Oriente e Territori palestinesi. Il progetto puಠporre le basi per una cooperazione scientifica fra realtà  accademiche dei due paesi con importanti risvolti sia sul versante del trasferimento tecnologico che della valorizzazione della ricerca universitaria.