Calabria, avviata l'attività  con le regioni euromediterranee

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Calabria, avviata l'attività  con le regioni euromediterranee

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: ASCA

Il Dipartimento regionale della Presidenza della Giunta regionale della Calabria, attraverso il settore Cooperazione, ed Internazionalizzazione, ha avviato un intenso programma di attività , che ha avuto il suo inizio con una missione di operatori e tecnici dell'imprenditoria calabrese in Egitto. La Missione, nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro Mediterraneo (Linea 2.1 - Progetto Integrato ''SPIIE'' - Sistemi di Produzione Integrata tra Italia ed Egitto) ha visto funzionari e tecnici della Regione impegnati, sia in attività  istituzionali al Cairo, per presenziare al Comitato di Indirizzo e Monitoraggio del Progetto SPIIE, sia in attività  di Business Cooperation - accompagnamento alla definizione di accordi partenariali stabili con operatori egiziani - a Sharm El Sheik.

La visita degli operatori italiani del settore ortofrutta è stata inserita nella manifestazione fieristica ''fresh gate/food gate'' che si è svolta a Sharm El Sheikh. Alla missione hanno partecipato i rappresentanti di aziende provenienti da Basilicata, Calabria e Puglia; per la Regione Calabria hanno partecipato le aziende della C.O.P.A.C (Società  Cooperativa Consortile con sede ad Anoia) selezionate con manifestazione di interesse pubblicata sul sito web della Regione Calabria. In fiera gli imprenditori calabresi hanno incontrato ben quaranta imprenditori egiziani. Secondo le stime, si è registrata la presenza di ben 1.300 aziende provenienti da tutto il mondo. Le imprese calabresi, pertanto, sono rientrate entusiaste delle potenzialità  delle ''joint venture'' con gli imprenditori del settore dell'agroindustria Egiziana.

Contemporaneamente, a Palermo e a Scutari (Albania), si sono svolti comitati di pilotaggio per ben tre progetti da seguire: Knowing Med (Programma MED 2007-2013), Progetto R.I.V.A. (Riqualificazione ambientale del bacino di Scutari - Albania), Progetto P.R.I.C.E.S. nell'ambito dell'APQ Balcani.

Knowing Med (Programma MED 2007-2013) ''economia della conoscenza ed innovazione per una crescita sostenibile'' ha lo scopo di stimolare nel settore dell'economia della conoscenza la formazione di imprese di giovani e talentuosi artisti calabresi da lanciare nei giusti percorsi di mercato.

Progetto R.I.V.A. Riqualificazione ambientale del bacino di Scutari (Albania) nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro Balcani Linea 2.3 ''Ambiente e Sviluppo Sostenibile''. Il Progetto ha il duplice compito di creare un'unità  di monitoraggio pluviometrica mobile, per anticipare e monitorare le attività  di inondazione del bacino di Scutari dovute alle forti piogge ed una stazione di canottaggio per le attività  turistico/sportive del lago. Il comitato si è tenuto proprio durante lo stato di emergenza della Città  di Scutari, che nei giorni a seguire ha subito un'evacuazione di circa 1.200 cittadini per allagamento delle abitazioni. Erano presenti al comitato il Ministero degli Affari Esteri (Direzione Generale alla Cooperazione ed allo Sviluppo) e la rappresentanza del Ministero dello Sviluppo Economico; i rappresentanti delle Regioni Partner e le varie rappresentanze del mondo tecnico e scientifico del settore: Basilicata, Toscana, Sicilia, Sardegna, Puglia; la Regione Calabria ha partecipato con l'assistenza tecnica dell'Autorità  di Bacino. Per l'Albania hanno partecipato il Presidente della Regione di Scutari, il primo cittadino di Scutari e le varie rappresentanze degli enti locali.  Il Comitato si è concluso con una serie di impegni sia da parte italiana sia da parte albanese, per la concentrazione delle risorse di progettazione, in modo da realizzare al pi๠presto le attività  previste, con scadenza 30 aprile 2011, al fine di ottenere una capitalizzazione del Progetto, in definitiva uno studio di fattibilità  da presentare congiuntamente alla prossima ''call'' del Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera IPA (strumento di Assistenza di Pre-Adesione), in modo da poter continuare con una maggiore forza economica le attività  in essere del Progetto e quindi dare la possibilità  alle Regioni Partner di apportare il giusto supporto di tecnici ed innovazioni alle attività  del Bacino di Scutari.

Progetto P.R.I.C.E.S. nell'ambito dell'APQ Balcani Linea di Intervento 2.1 ''Sviluppo Socio Economico'', per l'evento di Business Cooperation tenutosi per l'appunto a Scutari dall'1 al 3 dicembre 2010. Il primo giorno di incontri si è tenuta la Plenaria con la partecipazione delle istituzioni locali, delle rappresentanze italiane e dei referenti delle Regioni e degli Enti Attuatori che partecipano al progetto; nei due giorni a seguire gli incontri bilaterali tra le Aziende italiane e albanesi. A Scutari, in Albania, come, a Sharm El Sheik in Egitto, la Calabria si è distinta per lo spessore imprenditoriale e per il fattivo contributo dei tecnici regionali, in coordinamento con le agenzie di sviluppo locali, fissando un prossimo incontro di B2B, esclusivo, Calabria-Albania nel prossimo mese di febbraio. Il successo degli imprenditori Calabresi, rispetto agli altri partner Italiani, è dovuto alla preparazione degli incontri, da parte dei tecnici Arssa, l'ente attuatore della Regione, sia con una analisi di contesto dei settori di intervento, sia con l'obiettivo di attivare partenariati permanenti e non attività  di semplice vendita; al riguardo si sono create le basi per future attività  di ''joint venture'' nelle produzioni di miele, piante officinali e funghi, nonché di assistenza tecnica da parte calabrese per le attività  casearie. Anche in questo progetto, come per l'Egitto, le sei aziende calabresi che hanno partecipato sono state selezionate con manifestazione di interesse pubblicata sul sito web istituzionale. Il prossimo appuntamento B2B è previsto in Serbia.