Europeaid. Intercultural dialogue and Culture

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Europeaid. Intercultural dialogue and Culture

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

 

EuropeAid ha pubblicato il bando €œIntercultural dialogue and Culture€ con l'obiettivo di promuovere il dialogo interculturale, la diversità  culturale e il rispetto per la pari dignità  di tutte le persone nei paesi partner.

Questo strumento fa parte del Global Public Goods and Challenges 2014-2020, parte integrante del programma DCI, contribuisce alla realizzazione degli SDG 4, 10 e 17 dell'Agenda 2030 per sviluppo sostenibile, promuovendo la cittadinanza globale, il pluralismo e la libertà  di religione.

Il bando ha una dotazione finanziaria di 9,7 milioni di euro.

La scadenza per la presentazione dei concept note è fissata per il 16 maggio 2017.

 

Il bando è composto da due lotti.

Lotto 1: Migliorare la comprensione e il rispetto della diversità  culturale e religiosa
Obiettivo specifico: aumentare il pluralismo culturale e la comprensione interculturale, compresi gli aspetti relativi alla religione nei paesi partner.
Dotazione del lotto: 4.000.000 EUR

 

Lotto 2: La cultura come fattore abilitante per il dialogo, l'inclusione sociale, lo sviluppo delle competenze e la coesione
Obiettivo specifico: migliorare il dialogo e l'inclusione sociale (in particolare delle popolazioni vulnerabili e svantaggiate, come le persone appartenenti a minoranze, i migranti, le donne e le ragazze, disabili) per lo sviluppo delle competenze e la coesione sociale nei paesi partner.
Dotazione del lotto: 5.700.000 EUR

 

Dimensioni del co-finanziamento Qualsiasi contributo richiesto nell'ambito di questo bando deve essere compreso tra i seguenti importi minimi e massimi:

Per il lotto 1
importo minimo: EUR 1.500.000
importo massimo: EUR 2.000.000

Per il lotto 2
importo minimo: EUR 1.900.000
importo massimo: EUR 2.850.000

 

Percentuale massima del co-finanziamento: 90% del totale dei costi ammissibili dell'azione

 

Sono eleggibili per questo bando nel ruolo di applicant e co-applicant le seguenti tipologie di organizzazioni:
€¢ attori non statali
€¢ reti di organizzazioni della società  civile (CSO)
€¢ enti pubblici
€¢ reti e/o associazioni di enti locali
€¢ organizzazioni internazionali (inter-governative)

 

La durata prevista di un'azione non puಠessere inferiore a 36 mesi né superiore a 60 mesi.

 

Aree geografiche
Le azioni dovranno essere implementate in almeno due paesi della lista dell'OCSE/DAC dei paesi beneficiari di APS.
Sarà  data priorità  alle azioni in Burundi, Burkina Faso; Camerun; Chad; Gibuti; l'Eritrea; Etiopia; Kenya, Mali; Niger; Nigeria; Senegal; Somalia; Sud Sudan; Sudan; Yemen, Ruanda, Tanzania, Uganda, e Iran.

 

Fonte: infocooperazione