Marche: esempio di buone prassi col progetto €œPaleo€

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Marche: esempio di buone prassi col progetto €œPaleo€

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome

La Regione Marche figura tra i migliori esempi al mondo di contenimento della spesa amministrativa attraverso il ricorso alle tecnologie informatiche. A dare questo riconoscimento, una delle pi๠note società  internazionali di ricerca e sviluppo di modelli di mercato in ambito tecnologico, la Gartner, che ha incluso il progetto di protocollo informatico e gestione dei flussi documentali della Regione Marche tra i cinque esempi a livello mondiale di €œbuone prassi€. Il progetto Paleo, diffuso anche in numerosi enti locali e nel settore della sanità  ha infatti contribuito al miglioramento della efficienza interne e alla riduzione dei costi della amministrazione. E cosଠl'ente conferma il deciso impegno verso la €œdematerializzazione€ dei servizi per i cittadini, le imprese, i dipendenti regionali.

marcheUn altro valido  esempio è quello della Carta Raffaello, nata nel 2003 come strumento abilitante per i cittadini delle Marche ai servizi telematici di e-government, che si conferma oggi quale infrastruttura necessaria a supportare tutti i processi di dematerializzazione dei procedimenti amministrativi sul territorio regionale e a migliorare l'efficacia ed efficienza della pubblica amministrazione. àˆ proprio di questi giorni il raggiungimento di quota 45.000 tessere distribuite gratuitamente dalla Regione su tutto il territorio marchigiano ad altrettanti cittadini ed imprese. Le Marche si attestano cosà¬, dopo il €œriconoscimento€ del ministro Brunetta per la velocità  con cui la Regione si sta adoperando per l'avvio della certificazione medica online, come un modello sul piano dell'informatizzazione della pubblica amministrazione. Il che significa risparmio economico e tutela dell'ambiente: i benefici dell'utilizzo della Carta Raffaello, infatti, sono evidenti, a partire dall'azzeramento dei costi per carta, inchiostro delle stampanti e spedizione via posta tradizionale, per arrivare alla velocizzazione dell'iter delle pratiche fino alla loro archiviazione. Senza contare il risparmio in termini di tempo sia per gli utenti che per gli operatori.

Un esempio di efficacia ed efficienza raggiunte con l'utilizzo della Carta Raffaello è l'implementazione, da parte dell'amministrazione regionale, del progetto per la dematerializzazione dei giustificativi (richieste ferie, permessi, assenze temporanee, ecc.) per i dipendenti regionali. Ad oggi sono stati prodotti 120.000 giustificativi online, con un indiscutibile risparmio per la Regione.

La Carta Raffaello è un supporto unico che racchiude diverse funzioni: puಠessere utilizzata come carta dei dipendenti della Pa regionale, come carta nazionale dei servizi (consente ai titolari di usufruire di qualunque servizio online erogato da qualunque pubblica amministrazione, locale o nazionale) e come carta di firma digitale (permette cioè di sottoscrivere documenti elettronici). La Carta è inoltre predisposta come tessera sanitaria e si inquadra cosଠnella recente iniziativa del ministero della Pubblica amministrazione di integrare le funzionalità  della tessera sanitaria nella Carta nazionale dei servizi.

Grazie ai sistemi informativi di gestione dei servizi online rivolti ai cittadini, imprese e dipendenti regionali, che gestiscono in modalità  digitale la formazione dei documenti e, ove necessario, la sua sottoscrizione digitale, le Marche hanno raggiunto su questo versante livelli di eccellenza: nel corso del 2006-2007 i procedimenti digitali non erano neanche 30.000; a fine 2009, invece, si sono contati quasi 650.000 documenti digitalizzati.