Gli obiettivi per il futuro della cooperazione

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Gli obiettivi per il futuro della cooperazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

La Direzione generale della Cooperazione del Ministero degli Affari Esteri e il Ministero dell'Economia e delle finanze hanno istituito un Tavolo interistituzionale per definire un'agenda prioritaria e impegni per il futuro della cooperazione multilaterale e bilaterale, in prossimità  dell'imminente scadenza per il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio, il 2015.  

Numerosi sono gli ambiti istituzionali e i soggetti che sono parte attiva e propositiva di idee e approcci nell'ambito dell'agenda sul post-2015. Anzitutto, in ambito Nazioni Unite, in cui, pi๠che altrove, trovano spazio le voci provenienti dai Paesi in via di sviluppo. Per l'Italia, rivestono grande importanza anche l'ambito europeo, l'Ocse e la famiglia delle Istituzioni finanziarie internazionali. Protagonisti del dibattito, oltre che del futuro della cooperazione allo sviluppo, sono ovviamente anche i diversi portatori di interesse presenti nel mondo degli aiuti internazionali, a cominciare dalle Organizzazioni della società  civile e le Ong (cfr. Documento Concord), il mondo accademico e della ricerca, il settore privato.

Il mondo €“ si legge sul portale della cooperazione italiana allo sviluppo - si trasforma rapidamente nella fase attuale della globalizzazione, e la cooperazione allo sviluppo è parte di questa trasformazione. Molte cose sono cambiate dal 2000, anno di lancio degli Obiettivi di sviluppo del millennio (Millennium Development Goals). Il dibattito internazionale è in pieno svolgimento. Si tratta di definire un'agenda prioritaria e, conseguentemente, impegni per il futuro della cooperazione allo sviluppo multilaterale e bilaterale, in prossimità  del 2015. Sul sito sono disponibili informazioni per orientarsi sull'agenda in discussione e per contribuire a far emergere una prospettiva e orientamenti che qualifichino il contributo italiano. Le persone e le organizzazioni interessate a contribuire ad arricchire le sezioni suggerendo materiali, inviando segnalazioni e idee, possono inviare le proprie segnalazioni alla redazione Post-2015: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Approfondimenti: il processo, gli attori, i temi, gli eventi e le idee per l'agenda del futuro.