L'Ue non raggiunge i traguardi fissati: il 40% dei fondi mancanti dall'Italia

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

L'Ue non raggiunge i traguardi fissati: il 40% dei fondi mancanti dall'Italia

Attenzione: apre in una nuova finestra. StampaEmail

Fonte: ANSA

''Le lacune della cooperazione italiana stanno avendo un impatto nefasto anche sulla tabella di marcia dell'Unione Europea, che non ha raggiunto il traguardo collettivo dello 0,56% in buona parte a causa del nostro Paese. L'Italia è infatti responsabile del 40% dei fondi mancanti, ovvero di circa 4,4 miliardi di euro. E Tutto questo è accaduto, nell'Anno Europeo della lotta alla povertà  e all'esclusione sociale''. Lo denuncia il rapporto 2010 di Social Watch, rete di oltre 400 organizzazioni non governative presente in pi๠di 60 paesi, sulla lotta contro la povertà  che, scrivono le Ong, ''segna il passo, costringendo milioni di persone a vivere in condizioni inaccettabili''. 

Secondo il rapporto, intitolato "Dopo la caduta", i dati dimostrano che ''lo sviluppo economico non è sinonimo di maggiore giustizia sociale. I movimenti sociali in Tunisia e in Egitto sono un segnale chiaro che i diritti fondamentali e un'equilibrata distribuzione della ricchezza sono irrinunciabili a qualunque latitudine''. Per questo, spiega il portavoce di Social Watch Italia Jason Nardi, ''è necessario utilizzare indicatori che tengano conto non solo della ricchezza prodotta, ma anche della possibilità  per i cittadini di usufruire dei servizi essenziali che garantiscono i diritti di tutti''.

Tra i paesi che dal 1990 sono avanzati di pi๠il rapporto indica il Brasile, che è riuscito a ridurre in modo considerevole la povertà , mentre all'estremo opposto si trovano i paesi dell'Africa sub-sahariana. Tra quelli in via di sviluppo, inoltre, il Guatemala e il Belize hanno fatto grandi passi in avanti. Tra i piu' poveri della terra, il Rwanda ha registrato buoni tassi di sviluppo umano, mentre il Sudan non è riuscito a invertire il suo trend negativo. ''Un tale scenario - spiega il rapporto - richiede leadership e senso di responsabilità  da parte dei paesi industrializzati, che dispongono delle risorse per aiutare le nazioni meno sviluppate a uscire dalla spirale della povertà ''.

In questo quadro, prosegue ''gli aiuti promessi e mai stanziati dall'Italia a questi paesi sono un segnale molto grave. La percentuale del Pil italiano destinata all'Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS) è scesa dallo 0,22% del 2008 allo 0,16% del 2009, in controtendenza con i maggiori paesi europei, che nonostante i tagli dovuti alla crisi hanno mantenuto o aumentato gli stanziamenti per la cooperazione internazionale. L'Italia è quindi ben lontana dall'obiettivo intermedio che si era data insieme ai Paesi dell'UE di raggiungere lo 0,56% del PIL in APS entro la fine del 2010. Cosଠcome è lontana dall'obiettivo finale di arrivare allo 0,7% del PIL entro il 2015''.