AICS, emergenza Sahel 2016 €“ 2017. Iniziative di emergenza dell'Ufficio regionale dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

AICS, emergenza Sahel 2016 €“ 2017. Iniziative di emergenza dell'Ufficio regionale dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Attention: open in a new window. PrintEmail

 

L'Italia è fortemente impegnata nel fronteggiare le sempre pi๠complesse e prolungate emergenze umanitarie; lo ha dimostrato concretamente pi๠di un anno fa, in occasione del World Humanitarian Summit di Istanbul, incrementando del 34% le risorse dedicate.

 

Il nostro paese sta portando avanti con determinazione gli impegni assunti al Summit, volti essenzialmente a migliorare la nostra capacità  di risposta e di prevenzione delle crisi.

 

La priorità  è da sempre la protezione delle persone colpite e per questo perseguiamo un approccio crescentemente integrato, coinvolgendo attori governativi, non governativi e le stesse comunità  di beneficiari degli aiuti.

 

L'apertura di un ufficio regionale per gli interventi umanitari con competenza sull'Africa dell'Ovest si inserisce in quest'ottica di integrazione e coordinamento; si propone di accrescere la nostra attenzione alla regione del Sahel, tanto complessa e tormentata quanto centrale per gli interessi strategici dell'Italia e dell'Europa. Abbiamo necessità  di mantenere un dialogo costante con tutti gli attori umanitari ed è necessaria una conoscenza capillare di questo territorio per far fronte alle crisi che ricorrentemente lo affliggono; crisi eterogenee, che necessitano di risposte diversificate.

 

Ci preoccupa infatti il Mali e la sua grave instabilità  causata dalle infiltrazioni radicali, dalla povertà , dall'insicurezza alimentare e dagli effetti del cambiamento climatico; ci hanno preoccupato l'epidemia di ebola e ancor pi๠le sue conseguenze sul tessuto sociale di paesi fragili come la Sierra Leone e la Guinea. Su tutte queste criticità  si inserisce poi, in forma trasversale, la tematica delle migrazioni irregolari.

 

L'Italia è come noto in prima linea nel tentativo di dare una governance a questo fenomeno, dove coniughiamo aspetti di sicurezza e azioni di solidarietà , avendo a mente in primo luogo la necessità  di agire sulle sue cause profonde; in questo connubio, a volte difficile da perseguire, non dimentichiamo i risvolti umanitari, l'obbligo cioè di non €œlasciare nessuno indietro€ e di proteggere con azioni specifiche le categorie pi๠deboli e vulnerabili.

 

Le iniziative presentate in questa pubblicazione si ispirano a queste direttive e vogliono costituire una testimonianza del nostro sforzo volto a collegare le popolazioni beneficiarie ai loro territori e a rendere pi๠efficaci e partecipativi i programmi di emergenza dell'Italia nell'Africa occidentale e nel Sahel.

 

Francesco Paolo VENIER
Ambasciatore d'Italia in Senegal, Mali, Guinea Bissau e Capo Verde

 

In allegato: Iniziative di emergenza dell'Ufficio regionale dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo