Cerca nel portale

Regioni

Regione Valle D'Aosta Regione  Piemonte Regione Lombardia Regione  Trentino Alto Adige Regione Veneto Regione  Liguria Regione Emilia Romagna Regione Toscana Regione Umbria Regione Marche Regione Lazio Regione  Abruzzo Regione  Basilicata Regione Campania Regione Molise Regione Puglia Regione Calabria Regione Sicilia Regione Friuli Venezia Giulia Regione Sardegna

AREA SOCI

Macroregione Adriatico Ionica: le tappe di avvicinamento alla sua costituzione

Attention: open in a new window. PrintEmail

Una road map con la definizione dei quattro pilastri della strategia e di quattro gruppi di lavoro in cui tutti i rappresentanti dei Paesi partecipano ai diversi livelli di governo (coordinati ognuno da due Paesi, uno Stato Membro e uno non-Membro) entro la fine di luglio 2013. Una consultazione aperta a tutti gli stakeholder e cittadini della Macroregione Adriatico Ionica dal mese di settembre al mese di dicembre 2013 parallelamente all'attività  dei quattro gruppi di lavoro, in cui sia il livello nazionale sia quello regionale locale parteciperanno. La presentazione dei risultati della consultazione, dal mese di gennaio, in un evento da realizzarsi in Grecia e nei mesi successivi la stesura nella sua forma definitiva della strategia europea e del piano di azione per la macroregione Adriatico-Ionica. Una conferenza di lancio della consultazione sulla Strategia Adriatico Ionica da tenersi il prossimo settembre ad Ancona. Sono le tappe di avvicinamento alla nascita della Macroregione Adriatico Ionica (prevista il prossimo anno), illustrati dal presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, a Bruxelles nel corso della Riunione costitutiva Intergruppo Adriatico-Ionico del Comitato delle Regioni.

Di particolare significato i quattro €œpilastri€ della strategia individuati ed affidati ad altrettanti gruppi di lavoro. Il primo riguarda le €œRisorse marine/marittime€ (Paesi coordinatori del gruppo di lavoro Grecia-Montenegro), il secondo è €œConnettere la regione€ (Paesi coordinatori Italia-Serbia), il terzo €œPreservare gli ecosistemi€ (Paesi coordinatori Slovenia-Bosnia Erzegovina), il quarto €œAumentare l'attrattività  della regione€ con particolare riferimento all'attrazione degli investimenti e all'internazionalizzazione (Paesi coordinatori Croazia-Albania). €œIn questi mesi €“ ha detto Spacca, che ha rivolto un augurio particolare ai colleghi della Croazia appena entrati nell'Unione Europe e presenti alla riunione dell'intergruppo - l'attività  per l'elaborazione della strategia europea per la Macroregione Adriatico Ionica si sta intensificando: dopo la riunione convocata dalla Direzione Generale MARE di febbraio sulla strategia marittima Adriatico-Ionica a Bruxelles, la Commissione Europea ha convocato la prima riunione sulla strategia europea Adriatico-Ionica a Roma il 13 giugno scorso con i Punti di Contatto Nazionali degli 8 Paesi coinvolti, un rappresentante per l'Iniziativa Adriatico Ionica ed uno per il Gruppo Interregionale Adriatico Ionico del Comitato delle Regioni€.

Spacca ha sottolineato come la Commissione europea abbia ritenuto necessario il coinvolgimento delle autorità  regionali e locali, cosଠcome degli Stati Membri, a supporto della Commissione stessa nella predisposizione del piano di azione. €œIn questo modo €“ ha detto - la strategia si è focalizzata da subito su priorità  fondamentali concertate e ampiamente condivise, grazie ad un'azione di multigovernance, che è un principio fondamentale e necessario per il successo delle strategie macroregionali dell'Unione Europea€.

Il piano di azione della Commissione europea dovrà  essere strettamente collegato con il nuovo programma per la cooperazione territoriale della nuova programmazione 2014-2020 €œSouth East Gateway€ che comprende l'Adriatico-Ionio e le aree collegate: Italia, Slovenia, Croazia, Grecia, Cipro, Malta, l'Austria (solo due regioni Stiria e Carinzia) e Albania, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Serbia e ex Fyrom- Macedonia. €œE' importante €“ ha concluso - lavorare da subito affinché le interrelazioni tra le esigenze dei territori, da evidenziare nel piano d'azione, ed i possibili finanziamenti dei programmi incidenti nella regione Adriatico Ionica, siano chiaramente evidenziabili€.

Spacca ha infine auspicato la massima sinergia tra le Regioni e i Paesi coinvolti nella Macroregione Adriatico Ionica con l'attività  degli altri intergruppi per la regione Baltica e per la regione Danubiana ed ha annunciato che il prossimo settembre si terrà  ad Ancona una conferenza di lancio della consultazione sulla Strategia Adriatico Ionica.